HyperTrekSat'Rain (grafica), Luigi Rosa (CSS)EnterpriseSerie ClassicaSerie AnimataPhase IIThe Next GenerationDeep Space NineVoyagerFilmLibriTimeline di Star TrekPersonaggiSpecieOrganizzazioniSezione TecnicaPianetiFederazioneFlotta StellareAstronaviNavigazioneSezione MedicaRebooted universeUniverso dello SpecchioCastEventi TrekVarie
Ultime modifiche
Episodio di Deep Space NineSeconda stagione
Paradise Playing God
Shadowplay
Numero di produzione436
Sequenza di trasmissione36
Week Of della prima trasmissione USA21.02.1994
Data della prima trasmissione sulla RAI05.09.1996
VHS britannica dell'episodio18 (U)
StoriaRobert Hewitt Wolfe
RegiaRobert Scheerer
MusicaJay Chattaway
Titolo italianoLa valle delle illusioni
Titolo franceseMirages
Titolo tedescoDie Illusion
Titolo giapponeseGen'ei no Mura (Visional Village)
Titolo brasilianoJogo de Sombras
Titolo provvisorioPersistence of Vision
Data delle versioni dello script09.12.1993
ColyusKenneth Mars
RuriganKenneth Tobey
TayaNoley Thornton
Vedek Bareil AntosPhilip Anglim
MerrukMartin Cassidy
Donna del villaggioTrula M. Marcus
Guardiamarina Manwaring
Seelee
Strek
Freyla
Lysia Arlin
Prylar Rhit
Kono
Depnen
Anetra
Data Stellare 47603.3: Dax è stata incaricata di investigare su alcune insolite emissioni di particelle dall'altra parte del wormhole e Odo è con lei per cercare di scoprire qualche indizio in più sulla propria origine. Una strana emissione di particelle omicron, di solito prodotte da certi tipi di reazione materia/antimateria, proviene dal secondo pianeta di un vicino sistema. Dax dirige la navetta verso il pianeta e scopre che la fonte è in una piccola vallata. Non registrando forme di vita i due si teletrasportano in superficie per investigare e trovano una sorta di reattore all'interno di un villaggio e prima che possano capire cosa sia, vengono scoperti da uno degli abitanti. Nel frattempo Quark sta organizzando qualche giro di affari poco onesto approfittando dell'assenza di Odo, ma se la deve vedere con Kira, che non ha nessuna intenzione di lasciar agire il Ferengi indisturbato.
  • Jake comunica al padre che non ha intenzione di entrare nella Flotta Stellare.
  • Sisko consegna il commbadge al figlio Jake.
  • Il nome dell'Orinoco proviene dallo script e non viene menzionato nell'episodio.
  • Riferendosi a Dax rispetto al suo racconto delle relazioni personali tra alcuni ufficiali, Odo dice: «...non mi sembra altro che un esempio della stupida preoccupazione degli Umani per i loro ridicoli accoppiamenti romantici». In originale invece è «Frankly, Lieutenant, I fail to see any point in your story at all, except perhaps to illustrate the foolish humanoid preoccupation with romantic coupling». In questo passaggio «humanoid» è stato tradotto con «Umani»: oltre ad essere un errore di traduzione, è in contrasto con i fatti dell'episodio, in quanto Dax sta parlando anche di umanoidi non Umani.
  • Kira parla di una nave tallarita invece di tellarita.
Odo: ...because women don't react to me in that manner!
Dax: Are you saying that you've never had a female friend?
Odo: I consider Major Kira a friend.
Dax: That's not what I meant. I'm talking about an... intimate friendship.
Odo: That's a very personal question.
Dax: I'm sorry, but after seven lifetimes impersonal questions aren't much fun anymore.
Quark: You make it sound like... you don't like me.
Kira: Don't like you? You collaborated with the Cardassians, you cheat your customers, and you are a danger to the station. I don't just «not like» you, I despise you!
Quark: Sorry I mentioned it.
Vedek Bareil: ...to be honest, I had been looking for an opportunity to see you.
Kira: Really? I'm honored.
Vedek Bareil: Hem... actually I was hoping you'd be happy to see me.
Kira: Oh, I'm... very happy.
Giochi: Springball
Holodeck: Springball
Link esterni: Memory AlphaWikiTrek
Pianeti: Cardassia VYadera IYadera II
Sezione tecnica: Chip ottici isolineari

  
I dati di questa pagina sono stati aggiornati l'ultima volta il 3.5.2009 alle 5:58.
Sito membro della HyperAlliance.
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.