HyperTrekSat'Rain (grafica), Luigi Rosa (CSS)EnterpriseSerie ClassicaSerie AnimataPhase IIThe Next GenerationDeep Space NineVoyagerFilmLibriTimeline di Star TrekPersonaggiSpecieOrganizzazioniSezione TecnicaPianetiFederazioneFlotta StellareAstronaviNavigazioneSezione MedicaRebooted universeUniverso dello SpecchioCastEventi TrekVarie
Ultime modifiche
Episodio di Deep Space NineSeconda stagione
The Maquis - Part I The Wire
The Maquis - Part II
Numero di produzione441
Sequenza di trasmissione41
Week Of della prima trasmissione USA02.05.1994
Data della prima trasmissione sulla RAI12.09.1996
VHS britannica dell'episodio21 (U)
StoriaRick Berman
Michael Piller
Jeri Taylor
Ira Steven Behr
SceneggiaturaIra Steven Behr
RegiaCorey Allen
MusicaDennis McCarthy
Titolo italianoLa ribellione - Seconda parte
Titolo franceseLe Maquis II
Titolo tedescoDer Maquis (Teil II)
Titolo giapponeseSensou Kaihi (War Avoidance)
Titolo brasilianoOs Maquis, Parte II
Titolo italiano proposto dallo STICI Maquis - Seconda parte
Data delle versioni dello script17.02.1994
AmarosTony Plana
Legato ParnJohn Schuck
Amm. Alynna NechayevNatalija Nogulich
Commander Calvin HudsonBernie Casey
SakonnaBertila Damas
KobbAmanda Carlin
Gul DukatMarc Alaimo
Drofo AwaMichael Bell
Niles
Ufficiale della sicurezzaKevin Grevioux
Data Stellare 47805.1: Calvin Hudson ha abbandonato la sua uniforme per occuparsi di cose per lui ben più importanti: dare alle colonie federali rimaste in territorio cardassiano la possibilità di sopravvivere agli attacchi dei nuovi alleati della Federazione. Ma, unendosi ai Maquis, sta mettendo in pericolo il trattato di pace e il rapimento di Dukat peggiorerà la situazione. Sisko vuole mettere in guardia il vecchio amico perché se il trattato verrà meno, la Flotta Stellare si metterà sulle sue tracce. Ma se il Comando Centrale Cardassiano continuerà a contrabbandare armi alle colonie cardassiane rimaste in territorio federale e la Flotta Stellare non la smetterà di ripararsi dietro una inutile ricerca delle prove, i Maquis continueranno a combattere a loro modo per la libertà.
  • Nel comunicato stampa, Ira Steven Behr è stato citato come unico autore della storia.
  • La data stellare dell'episodio è quella riportata sulla videocassetta britannica.
  • Nello script di questo episodio Ira Steven Behr ha scritto «On Cardassia, the verdict is always known before trial begins». Queste parole non solo hanno ispirato la storia di Tribunal, ma sono state la base per costruire tutto il sistema giuridico cardassiano.
  • Dukat spaventa il Capitano xepolita minacciando di sparare entro 15... 10... 7... 4 secondi.
  • Nella nave di Hudson c'è un pulsante 947 tra due monitor.
  • La divisa di Calvin Hudson non è certo quella con cui ha festeggiato quando si è graduato; infatti nel 2353 (stesso anno di Sisko, come affermato nell'episodio) la Flotta Stellare aveva le divise rosse.
  • Quando Sisko, Dukat O'Brien e Odo fermano la nave che trasporta le armi cardassiane ai coloni, in originale dicono che stanno trasportando «5 kilotons» (misura di massa, 1.000 tonnellate) di grano e altro materiale, che in italiano diventa «5 kilotoni» (la misura di energia, 4,2 * 1012 joule).
Dukat: Ok, anyone can blow up a ship. Ha. But to look your enemy in the eye... knowing you'll remember his face for the rest of your life... Now that takes a stomach much stronger than you'll ever have.
Sisko: On Earth there's no poverty, no crime, no war. You look out the window of Starfleet headquarters and you see... paradise. Well, it's easy to be a saint in paradise. But the Maquis don't live in paradise. Out there in the Demilitarized Zone, all the problems haven't been solved yet. Out there, there are no saints... just people. Angry, scared, determined people who are going to do whatever it takes to survive. Whether it meets with Federation approval or not.
Su questa pagina: 47CitazioniIn questo episodio...NoteTramaVersione italianaYATI
Link esterni: Memory AlphaIMDbWikiTrek
Organizzazioni: Maquis

  
I dati di questa pagina sono stati aggiornati l'ultima volta il 24.7.2011 alle 8:21.
Sito membro della HyperAlliance.
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.