HyperTrekSat'Rain (grafica), Luigi Rosa (CSS)EnterpriseSerie ClassicaSerie AnimataPhase IIThe Next GenerationDeep Space NineVoyagerFilmLibriTimeline di Star TrekPersonaggiSpecieOrganizzazioniSezione TecnicaPianetiFederazioneFlotta StellareAstronaviNavigazioneSezione MedicaRebooted universeUniverso dello SpecchioCastEventi TrekVarie
Ultime modifiche
Personaggi - M
Morn
Frequenta abitualmente il bar di Quark di Deep Space Nine sin dal 2364.
Morn ha 17 tra fratelli e sorelle, uno dei quali si chiama Fulp.
Nel 2365 partecipa con dei complici alla rapina alla Banca Centrale durante la Festa Lissepiana della Mamma e Morn riesce in seguito a fuggire su Deep Space Nine.
Nel 2374 i suoi complici (Hain, Larell, Krit e Nahsk) si rifanno vivi per ottenere la loro parte di latinum, ma constatano che Morn è morto e nel suo testamento ha lasciato tutti i suoi averi a Quark.
In realtà si tratta di un piano ideato dallo stesso Morn per sbarazzarsi dei suoi complici, ricorrendo all'aiuto inconsapevole di Quark, a cui in seguito paga l'equivalente di 100 barre di latinum.
I suoi amici lo descrivono come un soggetto logorroico, spiritoso, impressionabile e di buon appetito.
  • Il nome del fratello di Morn deriva da una battuta tagliata di Chrysalis.
  • Morn è l'anagramma di Norm, il personaggio interpretato da George Wendt nella sitcom Cheers (Cin Cin).
  • Morn appare in circa la metà degli episodi di Deep Space Nine.
  • Il suo nome viene pronunciato per la prima volta in Vortex.
  • L'attore che interpreta Morn, Mark Allen Shepherd senza trucco viene invitato da Quark a «tenere caldo» il posto lasciato libero da Morn durante la cerimonia di commemorazione in Who Mourns for Morn?
Quark: You know Morn: he never shuts up! [Who Mourns for Morn?]
Quark: Morn should keep his big mouth shut! [T:12:48] [Vortex]
Su questa pagina: CitazioniIn questo episodio...Note
Link esterni: Memory Alpha

  
I dati di questa pagina sono stati aggiornati l'ultima volta il 25.1.2009 alle 11:40.
Sito membro della HyperAlliance.
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.