HyperTrekSat'Rain (grafica), Luigi Rosa (CSS)EnterpriseSerie ClassicaSerie AnimataPhase IIThe Next GenerationDeep Space NineVoyagerFilmLibriTimeline di Star TrekPersonaggiSpecieOrganizzazioniSezione TecnicaPianetiFederazioneFlotta StellareAstronaviNavigazioneSezione MedicaRebooted universeUniverso dello SpecchioCastEventi TrekVarie
Ultime modifiche
Sezione tecnica
Raggio traente
Per riuscire a interagire con oggetti esterni alla nave, come ad esempio altre navi in difficoltà o asteroidi in rotta di collisione con pianeti abitati, le navi della Flotta Stellare sono equipaggiate con un raggio in grado di attrarre o respingere gli oggetti.
Sfruttando la stessa teoria dei deflettori, vengono creati dei raggi di gravitoni in grado di attrarre o respingere oggetti.
L'uso del raggio traente sottopone la struttura dell'emettitore e del bersaglio a grande stress. Per questo motivo, gli emettitori di ogni vascello della Flotta Stellare sono attaccati direttamente alla struttura portante della nave e sono sotto l'influenza del campo di integrità strutturale.
Ogni vascello è equipaggiato di almeno un raggio traente, posizionato in modo da raggiungere oggetti sopra o sotto la nave stessa.
I vascelli più grandi hanno abbastanza raggi da coprire ogni direzione.
Creando un ciclo di inversione con gli scudi deflettori si può neutralizzare l'effetto del raggio traente (Maneuvers).
  • Sorgente di gravitoni: uno stantuffo di toronio che, ruotando ad alta velocità, emette gravitoni.
  • Amplificatore di campo subspaziale: amplifica la distorsione del campo subspaziale incanalando il flusso di gravitoni in modo da creare un raggio indirizzabile. Variando la polarità del campo si ottiene un raggio traente o repulsivo.
  • Emettitori esterni alla nave che emettono il raggio.
Su questa pagina: Componenti tipiciVersione italiana
Link esterni: WikiTrek

  
I dati di questa pagina sono stati aggiornati l'ultima volta il 25.2.2006 alle 15:17.
Sito membro della HyperAlliance.
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.