HyperTrekSat'Rain (grafica), Luigi Rosa (CSS)EnterpriseSerie ClassicaSerie AnimataPhase IIThe Next GenerationDeep Space NineVoyagerFilmLibriTimeline di Star TrekPersonaggiSpecieOrganizzazioniSezione TecnicaPianetiFederazioneFlotta StellareAstronaviNavigazioneSezione MedicaRebooted universeUniverso dello SpecchioCastEventi TrekVarie
Ultime modifiche
Episodio di The Next GenerationPrima stagione
11001001 When the Bough Breaks
Too Short A Season
Numero di produzione112
Sequenza di trasmissione16
Week Of della prima trasmissione USA08.02.1988
Data della prima trasmissione su Italia Uno20.07.1992
Codice del The Next Generation Companionts
DVD europeo in cui è presente l'episodio4
VHS britannica dell'episodio8 (PG)
StoriaMichael Michaelian
SceneggiaturaMichael Michaelian
Dorothy Catherine Fontana
RegiaRob Bowman
MusicaGeorge Romanis
Titolo italianoGuerra privata
Titolo spagnoloUn período demasiado corto
Titolo franceseUn trop court moment
Titolo tedescoDie Entscheidung des Admirals (La decisione dell'ammiraglio)
Titolo giapponeseOinaru Tsugunai (Great Payment)
Titolo brasilianoUm Breve Regresso
Data delle versioni dello script06.10.1987
Governatore KarnasMichael Pataki
Amm. Mark JamesonClayton Rohner
Anne JamesonMarsha Hunt
Hawkins
Data Stellare 41309.5: Per sedare una rivolta su Mordan IV viene richiesto all'Enterprise di riportare sul pianeta l'Ammiraglio Jameson, l'unico uomo che già una volta era riuscito a riportare la pace tra questa gente. Ma questo fatto si rivela solamente un pretesto per vendicare antichi odi.
  • Non appare Wesley Crusher.
  • Gradi dell'Ammiraglio JamesonJameson ha dei gradi alquanto inusuali sulla spalla destra dell'uniforme: sono una specie di triangolo con quattro pallini interni ricamati sul tessuto; gli stessi gradi si rivedono solamente in Coming of Age.
  • La città di Mordan IV è un modellino costruito da Okuda e Sternbach. In seguito si è preferito usare delle matte piuttosto che dei modellini.
  • Nel muro dietro la scrivania di Karnas si vede un phaser della Serie Classica e l'arma di Portal.
  • Nell'episodio vengono menzionati Persefone V ed il sistema di Cerberus. Persefone era la figlia di Zeus e di Demetra. Il mito vuole che Persefone venga rapita da Ade, il dio degli inferi, che si era invaghito di lei e che voleva farne la sua sposa. La madre, Demetra, decise di andare a cercarla, ma le ricerche, che durarono 10 giorni, non diedero fortuna finché il Sole non le rivelò il nome del colpevole. Quindi Demetra chiese la restituzione della figlia ad Ade, ma purtroppo era troppo tardi: nel periodo in cui Persefone era stata negli inferi aveva mangiato dei chicchi di melograno che la relegavano definitivamente agli inferi. Zeus riuscì tuttavia a trovare un compromesso: Persefone sarebbe rimasta solamente sei mesi l'anno con Ade, mentre la restante metà dell'anno la avrebbe passata sulla Terra, con la madre. Cerbero è, invece, il cane a tre teste di guardia all'inferno.
  • Quando Jameson riguarda la registrazione delle richieste del Governatore Karnas nel suo alloggio, in alto a destra del monitor c'è il numero 947 [T:13:10].
  • Mentre Jameson ringiovanisce, miracolosamente i capelli si ricolorano.
  • Jameson dice a Picard «Quello che mi ha fatto alzare da quella sedia è stato il pensiero di poter camminare di nuovo sul ponte di comando di un'astronave»; Picard lo si vede piuttosto sconcertato, probabilmente perchè in originale il dialogo è «All I need to get me up to that chair was the thought of walking in the decks, commanding a starship again». Infatti Picard ribatte prontamente «Admiral, you only have the CONN temporarily» [T:12:11].
  • Cerebus (pianeta e sistema) viene pronunciato Serberus.
  • A [T:38:36] Picard parla di 45 anni di guerra civile invece di 40.
Su questa pagina: 47In questo episodio...NoteTramaVersione italianaYATI
Flotta Stellare: Prima Direttiva
Link esterni: WikiTrek
Specie: Mordaniani

  
I dati di questa pagina sono stati aggiornati l'ultima volta il 8.8.2008 alle 7:26.
Sito membro della HyperAlliance.
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.