HyperTrekSat'Rain (grafica), Luigi Rosa (CSS)EnterpriseSerie ClassicaSerie AnimataPhase IIThe Next GenerationDeep Space NineVoyagerFilmLibriTimeline di Star TrekPersonaggiSpecieOrganizzazioniSezione TecnicaPianetiFederazioneFlotta StellareAstronaviNavigazioneSezione MedicaRebooted universeUniverso dello SpecchioCastEventi TrekVarie
Ultime modifiche
Episodio della Serie ClassicaTerza stagione
The Savage Curtain Turnabout Intruder
All Our Yesterdays
Numero di produzione78
Sequenza di trasmissione78
Data della prima trasmissione su NBC14.03.1969
Data della prima trasmissione su Telemontecarlo30.12.1979
Sequenza di trasmissione su Rete Quattro30
DVD europeo in cui è presente l'episodio39 (PG)
StoriaJean Lisette Aroeste
RegiaMarvin J, Chomsky
MusicaGeorge Duning
Titolo nella collana La pista delle stelleTutti i nostri passati (4) 09.1978
Titolo italianoUn tuffo nel passato
Titolo spagnoloTodos nuestros ayeres
Titolo franceseLe passé
Titolo tedescoPortal in die Vergangenheit
Titolo giapponeseTime Machine no Kiki (Dangerous of Time Machine)
Titolo brasilianoTodos os Nossos Ontens
Titolo provvisorioA Handful of Dust
Data delle versioni dello scriptsoggetto: 23.09.1968
stesura finale: 12.12.1968
stesura finale riveduta: 17.12.1968
Data delle ripreseFine dicembre 1968
ZarabethMariette Hartley
AtozIan Wolfe
GiudiceKermit Murdock
FopEd Bakey
Al Cavens
SecondinoStan Barrett
ConestabileJohnny Haymer
DonnaAnna Karen
Data Stellare 5943.7: Kirk, Spock e McCoy scesi su Sarpeidon, il cui sole, Beta Niobe, esploderà in una nova entro poche ore, scoprono che tutti gli abitanti sono scomparsi. L'ultimo rimasto, il bibliotecario Atoz spiega loro che, mediante l'atavachron, si sono rifugiati tutti in differenti ere del passato del pianeta per salvarsi; anche i nostri eroi, a causa di un incidente, vengono spediti in due diversi passati.
  • Il nome atavachron deriva da due parole greche che significano indietro nel tempo.
  • Il titolo inglese di questo episodio deriva da un passaggio di Macbeth (V 5 19-28) di William Shakespeare:
    «Tomorrow, tomorrow, and tomorrow,
    Creeps in this petty pace from day to day,
    to the last syllabe of recorded time;
    And all our yesterdays have lighted fools
    The way to dusty death. Out, out, brief candle!
    Life's but a walking shadow, a poor player
    That sturts and frets his hour upon the stage,
    And then is heard no more. It is a tale
    Told by an idiot, full of sound and fury,
    Signifying nothing.»
  • Come mai il phaser non funziona nel passato di Sarpeidon mentre il tricorder sì?
  • A [T:15:41] Spock dice «My home is a planet millions of light years away». Un pochino distante...
  • Nel doppiaggio italiano Sarpeidon diventa Sapreidon.
  • Nomination all'Emmy Award 1968-69 per «Outstanding Achievement in Art Direction and Scenic Design». Le persone che hanno ricevuto la nomination sono state il direttore artistico Walter M. Jeffries, Jr. e il decoratore dei set John Dwyer.
Atoz: A library serves no purpose unless someone is using it. [T:01:18]
Spock: We're in a wilderness of arctic characteristics.
McCoy: He means it's cold. [T:10:52]
McCoy: I'm the doctor around here.
Spock: And known as the worst patient in the entire crew of the Enterprise. [T:29:27]
Zarabeth: Do you know what it's like alone, really alone? [They gave me] weapons, shelter, food... everything I needed to live, except companionship... to send me here alone if that is not death, what is? [T:35:35]
Su questa pagina: CitazioniNotePremiRiciclatiTramaVersione italianaYATI
Link esterni: Memory AlphaIMDbWikiTrek
Pianeti: Sarpeidon
Specie: Vulcaniani

  
I dati di questa pagina sono stati aggiornati l'ultima volta il 19.4.2009 alle 13:30.
Sito membro della HyperAlliance.
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.