HyperTrekSat'Rain (grafica), Luigi Rosa (CSS)EnterpriseSerie ClassicaSerie AnimataPhase IIThe Next GenerationDeep Space NineVoyagerFilmLibriTimeline di Star TrekPersonaggiSpecieOrganizzazioniSezione TecnicaPianetiFederazioneFlotta StellareAstronaviNavigazioneSezione MedicaRebooted universeUniverso dello SpecchioCastEventi TrekVarie
Ultime modifiche
Episodio di VoyagerSeconda stagione
Dreadnought Lifesigns
Death Wish
Numero di produzione130
Sequenza di trasmissione34
Data di prima trasmissione su UPN19.02.1996
Data della prima trasmissione sulla RAI19.08.1999
VHS britannica dell'episodio2.7 (PG)
StoriaShawn Piller
SceneggiaturaMichael Piller
RegiaJames L. Conway
MusicaJay Chattaway
Titolo italianoDiritto di morte
Titolo franceseSuicide
Titolo tedescoTodessehnsucht
Titolo giapponeseQ1, Q2
Titolo brasilianoDesejo Fatal
QJohn de Lancie
William RikerJonathan Frakes
QuinnGerrit Graham
Sir Isaac NewtonPeter Dennis
Maury GinsbergMaury Ginsberg
Data Stellare 49301.2: Quinn, un Q ribelle, riesce a fuggire dall'interno di una cometa in cui era stato recluso e chiede asilo alla Voyager. Poco dopo il ben noto Q si presenta per riportare il ribelle nel continuum, però Quinn dichiara che, se Janeway gli garantisce l'asilo, intende suicidarsi per porre fine al tedio della sua vita immortale.
  • Si viene a sapere che Quinn ha influito sulla storia in varie occasioni:
    • ha urtato l'albero facendo cadere la mela che ha ispirato Isaac Newton;
    • ha dato un passaggio con una jeep e fatto arrivare in tempo Maury Ginsberg al concerto di Woodstock, che è riuscito a risolvere un problema che avrebbe impedito lo svolgimento dell'evento;
    • ha salvato un avo di William Riker permettendo a quest'ultimo di esistere.
  • Si viene a sapere da Q che gli Umani non avrebbero dovuto arrivare nel quadrante Delta prima di un centinaio d'anni [T:06:51].
  • La Voyager assiste alla formazione dell'universo [T:08:17].
  • Q sposta per pochi secondi la Voyager nelle vicinanze della Terra [T:28:27].
  • In origine, il nome del personaggio interpretato da Maury Ginsberg era diverso, ma, una volta che l'attore è stato scelto, a tutti piaceva il nome dell'attore così tanto che è rimasto tale anche nella storia.
  • Ecco il testo dell'articolo pubblicato da Quinn sull'immaginaria rivista letta dai membri del Continuum.
    I'm ready to die; How about you?
    For many years as I have put my thoughts to paper and written this column, it has occurred to me that I would run out of things to say, find nothing new to comment about. But I have. And it's deeply troubling to me. Frankly, I believe the time has come for the continuum to look at the possibility that immortality is not in this society's best interest. I have found myself recently looking at my life and saying, «I've had enough. Why not call it quits?» And you know what? I've decided that's exactly what I want to do. Let's take a good hard look at our life. Each of us should ask himself «Have I had enough?» The answer is yes.
  • Nel monitor che sovrasta il lettino di Quinn quando sta per morire, si legge BIO SCAN ANALYSIS 01-0731 (73 + 1 = 74) [T:41:37].
  • È strano che la tecnologia federale del teletrasporto riesca così facilmente a liberare dalla sua prigione un essere dei poteri di un Q, che richiede certo dei sistemi non elementari per essere confinato in uno spazio così ristretto contro la sua volontà.
Janeway: I'm afraid we're responsible for that.
Q: Oh! Well, I guess that's what we get for having a woman in the Captain's seat! [T:06:57]
Q: Say, is this a ship of the Valkyries or you human women finally done away with you men all together? [T:07:17]
Kim: Captain! There are no stars outside!
Quinn: Well, that's partially accurate. Actually, there's no universe outside. [T:08:19]
Tuvok: Captain. Based on our readings, it appears we've been transported back in time to the birth of the Universe. [T:08:34]
Torres: This ship will not survive the formation of the cosmos! [T:08:51]
Kim: Captain, I don't believe this, but... according to my readings... we're being attacked by protons! [T:09:19]
Quinn: I'll stalemate for eternity if I have to!
Janeway: The hell you will! The vaunted Q Continuum! Self-anointed guardians of the universe! [T:10:09]
Q: Did anyone ever tell you you're angry when you're beautiful? [T:10:22]
Tuvok: I am curious: have the Q always had an absence of manners, or is it the result of some natural evolutionary process that comes with omnipotence? [T:12:01]
Q: I call myself to the stand.
Q (duplicato): Tada! [T:15:19]
Q: Without Q there would have been no William T. Riker at all, and I would have lost at least a dozen really good opportunities to insult him over the years. [T:23:17]
Quinn: Captain, you are an explorer. What if you had nothing left to explore? Would you want to live forever under those circumstances? [T:34:52]
Quinn: For us, the disease is immortality. [T:35:20]
Quinn: This is my final gift to my people. [T:41:42]
Su questa pagina: 47CitazioniIn questo episodio...NoteTramaYATI
Link esterni: WikiTrek
Specie: Q

  
I dati di questa pagina sono stati aggiornati l'ultima volta il 11.5.2008 alle 19:47.
Sito membro della HyperAlliance.
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.