HyperTrekSat'Rain (grafica), Luigi Rosa (CSS)EnterpriseSerie ClassicaSerie AnimataPhase IIThe Next GenerationDeep Space NineVoyagerFilmLibriTimeline di Star TrekPersonaggiSpecieOrganizzazioniSezione TecnicaPianetiFederazioneFlotta StellareAstronaviNavigazioneSezione MedicaRebooted universeUniverso dello SpecchioCastEventi TrekVarie
Ultime modifiche
Flotta Stellare
Sonde della Flotta Stellare
Starfleet probes
La maggior parte delle navi stellari e delle stazioni spaziali sono equipaggiate con un certo numero di sonde, il cui numero e caratteristiche varia a seconda del tipo e del profilo della missione del vascello o della base.
Una sonda è un sistema automatico senza equipaggio a bordo in grado di effettuare rilevamenti, di segnalare posizioni, di fungere da rilancio di segnale o di espletare qualsiasi altra funzione prevista dalla programmazione e dalla progettazione della medesima.
Le sonde vengono catalogate in classi, in relazione alla tipologia delle funzioni che possono espletare. Tutte le sonde hanno lo scafo esterno in lega di duranio-tritanio e le finestre di alcuni sensori che sono rivestite da un triplo strato di alluminio trasparente. I sensori che non utilizzano le finestre sono incorporati attraverso vari metodi, dal miscelamento in superficie con il materiale dello scafo ad una unione dei sensori attivi con lo scafo stesso. Tutte le sonde hanno a bordo una dotazione standard di strumenti per la rilevazione e l'analisi di tutte le bande elettromagnetiche e subspaziali, di composti chimici organici ed inorganici, di componenti d'atmosfera e delle proprietà delle forze meccaniche. Tutte le sonde sono progettate per resistere allo shock dell'ingresso in atmosfera, ma solamente tre classi sono progettate per eseguire manovre in atmosfera e atterrare.
Classe I - Sonda Sensore
Classe 1 Area operativa: 200.000 Km
Limite delta-v: 0,5 c
Alimentazione: Vettore a micro-fusione di deuterio
Sensori: Elettromagnetici, subspaziali, interstellari
Telemetria: 12.500 canali a 12 megawatt di potenza di trasmissione

Classe II - Sonda Sensore
Classe 2 Area operativa: 400.000 Km
Limite delta-v: 0,65 c
Alimentazione: Vettore a micro-fusione di deuterio con un serbatoio aggiuntivo di carburante
Sensori: Elettromagnetici, subspaziali, interstellari, rilevatori di campo e di particelle a lungo raggio potenziati, sistemi di immagine
Telemetria: 15.650 canali a 20 megawatt di potenza di trasmissione
Note: Modifica della Classe 1

Classe III - Sonda Planetaria
Classe 3 Area operativa: 1.200.000 Km
Limite delta-v: 0,65 c
Alimentazione: Vettore a micro-fusione di deuterio
Sensori: Sensori per attività planetaria e giganti di gas, equipaggiata con un sottomodulo per le analisi chimiche
Telemetria: 13.250 canali a 15 megawatt di potenza di trasmissione
Dati addizionali: Scafo rinforzato con un limitato SIF (Stuctural Integrity Field, Campo di integrità strutturale); programmata per tutti i tipi di atterraggio calibrato e per le missioni sotto la superficie; resistenza alla pressione fino a 450 bar per le missioni nelle atmosfere delle giganti di gas; tempo di permanenza limitato

Classe IV - Sonda per Analisi Stellari
Classe 4 Area operativa: 3.500.000 Km
Limite delta-v: 0,60 c
Alimentazione: Propulsione a micro-fusione di deuterio vettorizzato rinforzato con bobine di guida e serbatoio supplementare di deuterio
Sensori: Rilevatori a tripla ridondanza per l'analisi dei campi stellari e delle particelle; dispositivo per l'analisi dell'atmosfera stellare
Telemetria: 9.780 canali a 65 megawatt di potenza di trasmissione
Dati addizionali: Sei mini-sonde eiettabili capaci di resistere a radiazioni di flusso; utilizzabile per fenomeni con energia non stellare
Note: Modifica della Classe III

Classe V - Sonda di Ricognizione a Medio Raggio
Classe 5 Area operativa: 43.000.000.000 Km
Limite delta-v: Warp 2
Alimentazione: propulsore materia/antimateria; estesa durata subluce, limitata durata in warp
Sensori: Sistemi estesi di registrazione e acquisizione passiva dei dati; possibilità di compiere una missione e ritornare in modo completamente autonomo
Telemetria: 6.320 canali a 2,5 megawatt di potenza di trasmissione
Dati addizionali: Capacità di atterraggio calibrato sulla superficie; materiali dello scafo e del rivestimento con un basso indice di individuabilità; può essere modificata per applicazioni tattiche con l'aggiunta di un kit per le contromisure elettroniche

Classe VI - Ripetitore per Comunicazioni - Radiofaro di Emergenza
Classe 6 Area operativa: 43.000.000.000 Km
Limite delta-v: 0,8 c
Alimentazione: Motore a micro-fusione ad alta potenza
Sensori: Equipaggiamento standard
Telemetria e comunicazione: 9.270 canali radiofrequenza; operazioni di ricetrasmissione subspaziale con una potenza irradiata di picco di 350 megawatt; antenna con copertura di 360°; antenna con risoluzione di puntamento ad alto guadagno
Dati addizionali: Serbatoio supplementare di deuterio per l'alimentazione delle comunicazioni e per eventuali cambi di orbita
Note: Modifica della Classe III

Classe VII - Sonda per lo Studio di Popolazioni
Classe 7 Area operativa: 450.000.000 Km
Limite delta-v: Warp 1,5
Alimentazione: Propulsore materia/antimateria
Sensori: Sistema passivo di raccolta dati e ricetrasmettitore subspaziale
Telemetria: 1.050 canali a 0,5 megawatt di potenza di trasmissione
Dati addizionali: Applicabile per civiltà fino a livello tecnologico III; materiali dello scafo e del rivestimento con un basso indice di individuabilità; 3,5 mesi di tempo massimo di impiego; dispositivo anti-manomissione di autodistruzione molecolare a basso impatto
Note: Modifica della Classe V

Classe VIII - Sonda Warp Multimissione a Medio Raggio
Classe 8 Area operativa: 120 anni luce
Limite delta-v: Warp 9
Alimentazione: Propulsore materia/antimateria con sostenitore di campo warp; autonomia di 6,5 ore a Warp 9; generatore ausiliario di energia per l'alimentazione dei sensori e del ricetrasmettitore subspaziale
Sensori: Standard più i moduli specifici di missione
Telemetria: 4.550 canali a 300 megawatt di potenza di trasmissione
Dati addizionali: Alta adattabilità a vari tipi di missione, dalla ricerca alla ricognizione
Note: Utilizza lo scafo di un siluro fotonico

Classe IX - Sonda Warp Multimissione a Lungo Raggio
Classe 9 Area operativa: 760 anni luce
Limite delta-v: Warp 9
Alimentazione: Propulsore materia/antimateria con sostenitore di campo warp; autonomia di 12 ore a Warp 9; serbatoio di carburante ausiliario per una durata massima di volo a Warp 8 di 14 giorni
Sensori: Standard più i moduli specifici di missione
Telemetria: 6.550 a 230 megawatt di potenza di trasmissione
Dati addizionali: Limitata capacità di carico utile; capacità di registrazione fino a 3.400 Kiloquads di memoria isolineare; trasponder a 50 canali
Note: Utilizza lo scafo di un siluro fotonico; un'applicazione tipica di questa sonda è come capsula di emergenza per i diari di bordo con rotta impostata verso la base stellare più vicina o verso una nave della Flotta Stellare con posizione nota

Nuova Classe I - Sonda Sensore
Nuova Classe 1 Sistema di propulsione: Unità a impulso Illman #447-000
Velocità massima: 0.75c
Massima autonomia a potenza di impulso: 4 ore
Armamento: Nessuna arma di offesa, solo una carica esplosiva per l'autodistruzione
Raggio di trasmissione: 60 parsec su banda subspaziale
Sicurezza: I dati contenuti all'interno sono accessibili solamente mediante un doppio codice che, in caso di errato inserimento, attiva immediatamente la sequenza di autodistruzione.
Lunghezza: 2,9 metri
Larghezza: 0,9 metri
Altezza: 0,4 metri
Note: La funzione principale della nuova Classe I consiste nell'estendere le capacità sensorie della nave dalla quale viene lanciata, andando in aree potenzialmente e dichiaratamente pericolose per le forme di vita o in luoghi non accessibili per un vascello stellare. Le navi della Federazione tendono a trasportare solamente questo tipo di sonda, cercando così di standardizzare l'equipaggiamento
Sottotipi:
REC01 Ricognizione planetaria, mappatura, rilievi geologici, monitoraggio comunicazioni e scanning popolazioni
REC11 Ricognizione spaziale profonda, adatta per aree pericolose per le forme di vita
SCT01 Scout, funzione di avanscoperta in missioni di pattugliamento di confine
NAV01 Boa statica per la navigazione
DSR01 Scatola nera della nave, porta i diari di bordo e viene lanciata solo in caso di estremo pericolo, può venire recuperata
ESP01 Contromisure elettroniche, emette segnali di disturbo su tutta la banda subspaziale e blocca le comunicazioni nel raggio di 60 parsec
ESP11 Contromisure elettroniche, simula tutta la gamma di radiazioni emesse da una nave stellare di classe Galaxy
PNT01 Trasporto di personale, può portare un umanoide mantenuto in vita tramite stasi

Sonda MGX
Sonda MGX Lunghezza: 114,3 m
Larghezza: 42,1 m
Altezza: 26 m
Stazza: 106.000 tonnellate
Velocità di crociera: Warp 5
Velocità massima: Warp 6.5
Durata della propulsione warp in velocità di crociera: 11 anni
Armamento: nessuno
Difese: scudi; dispositivo di occultamento
Comunicazioni: 6.000 canali su banda subspaziale; canali codificati sulle bande elettromagnetiche; collegamento visuale olografico
Computer: Nucleo di memoria Mark XII a matrice duotronica; 17 sistemi di acquisizione dati indipendenti; tripla ridondanza dei sistemi di navigazione; programmazione basata su algoritmi di intelligenza artificiale
Manutenzione: Possibilità di ospitare fino a otto tecnici per la manutenzione, ma solamente quando il motore a curvatura è spento
Note: si tratta, in pratica, di una gondola warp contenente l'attrezzatura di una sonda di esplorazione di spazio profondo

Episodi: The Emissary
Link esterni: WikiTrek

  
I dati di questa pagina sono stati aggiornati l'ultima volta il 30.12.2009 alle 15:56.
Sito membro della HyperAlliance.
Tutti i testi sono disponibili nel rispetto dei termini della GNU Free Documentation License.